Serveto
documenti per un dramma

di Nichi Stefi
regia di Nichi Stefi

Prima messa in scena della compagnia il Doppio, analizza la figura di Serveto, (Miguel Servet, Vilanova de Sixena), riformatore e teologo spagnolo entrato in contatto con la Riforma durante gli studi di diritto a Tolosa, che affrontò il problema del dogma trinitario, negando, nel De Trinitatis erroribus, pubblicato a Strasburgo nel 1531, che esso avesse fondamenti scritturali e razionali. Avversato da cattolici e protestanti, vagabondò a lungo per l'Europa perfezionandosi negli studi di medicina e in quelli di teologia. Soggiornò a Parigi nel 1532, con il nome di Michel de Villeneuve, come correttore di bozze e studioso di problemi naturali; poi a lungo a Vienna, presso Lione, dove come medico approfondì gli studi di fisiologia, scoprendo la circolazione polmonare del sangue. Nel 1553 pubblicò clandestinamente la Christianismi restitutio, che comprendeva anche trenta lettere inviate a Calvino, ma che fu condannata dal riformatore. Perseguitato dall'Inquisizione, messa sulle sue tracce da Calvino stesso, e arrestato nel 1553, fu posto in libertà condizionata. Di passaggio per Ginevra, per recarsi a Venezia e di qui a Napoli a esercitarvi la medicina, fu condannato come eretico per le sue posizioni antitrinitarie e razionalistiche e morì sul rogo.
.