Vero Popolare
Libretto

Autore:Enrico Collina Nichi Stefi
Editore: Autunno Musicale a Como
Anno: 1999

Incipit:
Io, signore e signori, ho il compito di guidarvi in questa disordinata ridda di scene, di brani, e dovrei anche in un certo qual senso giustificarmi e giustificare gli autori per questo caos; ma sa lo spettatore che, se un libro impiegato a giustificarne un altro, anzi lo stile di un altro, potrebbe parer cosa ridicola, ancor più ci è sembrato che lo fosse uno spettacolo teatrale realizzato a giustificazione di un libro, anzi due, di un’opera lirica, anzi due, e di numerose trascrizioni.
Per cui nessuna giustificazione!
Noi semplicemente, ci perdoni il pubblico gentile, abbiamo raccolto più libri, più voci, come quella della banda Baradello che avete appena sentito nel preludio de I promessi Sposi di Amilcare Ponchielli; più voci, dicevo, più tecniche (melodramma, romanzo, poema dialettale, sceneggiato televisivo, teatro),  più stili (lettura, canto, recitazione, azione), e li abbiamo messi insieme, in disordine appunto, lasciando che la storia emerga da sola, senza né spiegazione né giustificazione alcuna. Perché, in quanto storia, può essere che a voi ne paia altrimenti, ma a noi è parsa bella, come dico; molto bella.