Porto

Autori: Luigi Gaviglio Nichi Stefi
Editore: Mediolanum Editori Associati
Anno: 1985

Incipit:
Ogni produttore, si sa, predilige il suo vino. In ogni zona vinicola gli abitanti consumano, e apprezzano, il vino che vi si produce, eppure, a volte, soggiornandovi, di passaggio o in vacanza, pur scegliendo al meglio, noi itineranti, ne rileviamo i limiti di qualità, non riusciamo a giustificarne i consumi, imbarazzando anche gli ospiti entusiasti che pensavano d'offrici il paradiso, il loro paradiso.
Per apprezzarlo è necessario conoscerlo, e bene.
Il contadino conosce, è vero, il vino che ha prodotto: sa il come, da dove le uve, quali, l'annata, il raccolto, la fermentazione; sa tutto: i travasi, la botte, l'imbottigliamento; ne conosce le altre annate, le differenze, il perché di ogni singolo frammento di gusto, per cui, in ogni bicchiere, ad ogni sensazione, egli trova risposta, ad ogni supposizione la conferma, e, alla fine, il piacere.
E poi ... l'abitudine.